Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
 
Focus On
Rossettini, il primo colpo per la difesa
Scritto da Lorenzo Cancemi   
Martedì 24 Giugno 2014

Da quasi una settimana, il mercato e l'umore in casa Fiorentina sembrano vivere di un nuovo ottimismo che ha fatto tornare il sorriso ad una tifoseria fino a pochi giorni fa un po' preoccupata per la prossima stagione.

Risolto il grande dilemma Cuadrado, il trio delle meraviglie Pradè-Macia-ADV può dedicarsi con più serenità agli affari in entrata con l'obiettivo di vedere giocare al Franchi una squadra da Champions League. Il primo passo per raggiungere quel traguardo tanto inseguito, ma ancora non raggiunto i questi due anni, è rinforzare la difesa e il primo colpo sembra avere tutte le carte in regola per portare muscoli e fisicità ad un reparto apparso, in più frangenti, fragile sopratutto sul piano fisico: si tratta di Luca Rossettini.

Il nome non è di certo tra i più altisonanti ma, se vogliamo avere una squadra super competitiva su più fronti, la Fiorentina ha bisogno dell'esperienza di un giocatore che, da otto anni, sa cosa vuol dire combattere partita dopo partita anche per traguardi meno importanti del terzo posto. Si tratta di un difensore centrale, adatto a ricoprire anche il ruolo di terzino destro, che è stato saldamente al comando della difesa del Cagliari in questi ultimi due anni di salvezza, raggiunta sempre senza molta fatica.

Adesso per Luca si affaccia all'orizzonte l'opportunità di poter fare un discreto salto di qualità giocando in campionato e debuttando in Europa con la maglia della Fiorentina, anche se portarlo a Firenze non sarà facilissimo: non è da escludere, infatti, che il nuovo presidente del club sardo, Tommaso Giulini, voglia puntare ancora su di lui. Il prezzo del suo cartellino si aggira attorno ai 2 milioni di euro: difficile che Pradè e Macia si lascino scappare l'opportunità di acquistarlo ad un prezzo relativamente basso. Nonostante l'ufficialità non sia ancora arrivata, Firenze e Luca Rossettini sognano insieme di poter pensare in grande per una promettente stagione 2014/2015.

AddThis Social Bookmark Button
 
Occhi puntati su Giovani Dos Santos, il tutto fare d'attacco
Scritto da Matteo Scarpelli   
Sabato 21 Giugno 2014
La Fiorentina sta pensando ad un giovane mai fino a questo momento veramente sbocciato: Giovani Dos Santos. Giovani è un ragazzo di 25 anni, messicano ma con passaporto spagnolo che gioca come centrocampista offensivo nel Villarreal e come punta nella Nazionale messicana. Per la sua età è un giocatore che ha già fatto diverse esperienze calcistiche in un ping pong continuo tra Inghilterra e Spagna, con nel mezzo una breve parentesi in Turchia al Galatasaray. Cresciuto nel Barcellona, a 17 anni fa già parte della prima squadra anche se due anni dopo viene ceduto definitivamente al Tottenham che lo gira nel frattempo in prestito all'Ipswich Town, Galatasaray e Racing Santander. Nonostante tutti questi spostamenti entra nel 2010 nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 pubblicata da Don Balón. In seguito giunge al Maiorca dove raccoglie 6 reti in 29 apparizioni, ma l'anno dopo cambia subito squadra, sempre in Spagna, al Villarreal, il suo club attuale. Qui finora sta vivendo la miglior esperienza della sua carriera sotto il profilo realizzativo con 11 gol all'attivo. Ma dopo queste scombussolate avventure coi club, il messicano si sta mettendo in buona luce con la Nazionale in questi Mondiali in Brasile. Una partita nella quale ha fatto la differenza è stata quella d'esordio col Camerun, gara nella quale è stato protagonista nell'azione che ha portato al gol decisivo del match e ancor più protagonista principale quando si è visto annullare due gol per fuorigioco sospetti. Dos Santos è uno dei punti di riferimento della Nazionale messicana e grazie ai suoi guizzi potrebbe finalmente far valere quelle capacità che espresse nella cantera del Barcellona che tanto piacquero agli addetti blaugrana e che lo proiettarono addirittura in prima squadra a giocarsela con professionisti del calibro di Ronaldinho, Thierry Henry, Eto'o e Messi. E chissà che queste potenzialità non le esprima presto in maglia viola facendo scoppiare una volta per tutte il suo grande talento.
 
Matteo Scarpelli
AddThis Social Bookmark Button
 
La Fiorentina riscatta Cuadrado, il colombiano ringrazia, ma le offerte delle big arriveranno a Mondiale terminato.
Scritto da Niccolo Piccardi   
Giovedì 19 Giugno 2014

UnknownJuan Guillermo Cuadrado è stato riscattato interamente dalla Fiorentina. Il vero "crack" dell'ultimo campionato di Serie A è stato tempestato da una serie infinita di "telenovelas" sul suo possibile futuro, ma i Della Valle hanno voluto mettere un freno (almeno per ora) alla questione con l'Udinese.

AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 

Comunque un attaccante.
Scritto da Alessandro Rialti   
Domenica 15 Giugno 2014

ADV PradeL’operazione Cuadrado sicuramente da sola varrebbe mezzo mercato. Il ritorno di Andrea Della Valle alla presidenza significherebbe molto specialmente dal punto di vista d’impatto con la gente.

AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 
Tatarusanu-Neto, una porta per due
Scritto da Matteo Scarpelli   
Sabato 14 Giugno 2014
La nuova stagione viola 2014/2015 si aprirà, a meno di nuove operazioni di mercato, con un grande ma salutare ballottaggio. Il reparto chiamato in causa è quello della difesa, precisamente la porta. I due assoluti protagonisti saranno Ciprian Tatarusanu e Norberto Murara Neto. Neto è un personaggio già conosciuto a Firenze, infatti il brasiliano è di casa ormai dall'anno 2011. L'altro è il portiere della nazionale rumena, acquistato di recente dalla Fiorentina dopo che il 28enne non ha rinnovato il contratto con la sua squadra campione quest'anno di Romania, la Steaua Bucarest. Con i viola ha deciso di firmare per i prossimi quattro anni. Allora sì che verra' fuori una di quelle concorrenze utili che servono solo a dimostrare e rendere manifeste le migliori potenzialità e a far dare il meglio di sè per occupare un posto da titolare in campo tra le linee di porta. 
Neto ha affrontato una stagione non semplice, spesso bersagliato dalle critiche, fino a quando ha deciso di rompere il silenzio e nella seconda parte di stagione è asceso ad uno dei giocatori più importati e decisivi della squadra, esibendo prestazioni di discreta qualità, tanto da far parlare di una sua possibile convocazione agli attuali Mondiali in Brasile.
Tatarusanu invece è un portierone di grandi dimensioni fisiche ma anche di grandi qualità tecniche. Infatti a dispetto della sua altezza è un portiere che difficilmente cade in errore sulle palle basse ed è famoso per essere un pararigori. Altra caratteristica ma piuttosto inutile da specificare è circa le palle alte: queste sono tutte sue.
I portieri che tra qualche tempo inizieranno a prepararsi per la nuova stagione sono di buon livello e basterà vedere sul campo chi sarà più pronto dell'altro.
Chi la spunterà?
 
Matteo Scarpelli
AddThis Social Bookmark Button
 

«InizioSuccessivo12345678910PrecedenteFine»

Pagina 4 di 156

Rubriche in Primo Piano

Nonno Pilade a cura di Nonno Pilade   Leggi tutto >
Il pungiglione a cura di Giampiero Tosi   < Leggi tutto
L'Angolo del tifoso a cura di Luca Capanni   Leggi tutto >
Giacchetta Nera a cura di Giancarlo Carmagnini   < Leggi tutto